Un simbolo ha un’importanza innegabile, lo sapete, ce lo insegna quotidianamente la pubblicità, un logo comunica. In questo caso la scelta del logo non suggerisce, lo ammetto, un facile richiamo iconico, non affonda nella comunicazione emotiva del nostro quotidiano. Tuttavia risale a tempi remoti e profuma di divinatorio. Anni fa, non per caso, mi imbattei in un libro che mi aprì ad interessanti nuovi punti di vista. L’Oracolo Cinese, I Ching, in particolare una speciale edizione con prefazione di Carl Jung. Lo scopo della psicoanalisi è per Jung quello di ricomporre a livello di coscienza i contenuti provenienti da vari strati dell’inconscio, egli ritiene infatti che ascoltando la voce dell’inconscio e imparando a comunicare con lui, si possa finalmente pervenire a quello che lui chiama “uomo rotondo” (Il Saggio o l’Uomo Superiore come lo definisce l’Oracolo) che racchiude in sé gli opposti riuniti, lo Yin e lo Yang.

L’oracolo risponde alle nostre domande offrendoci attraverso la casualità di linee rette e spezzate una combinazione di esagrammi. Sta poi al lettore con la sua soggettività, con la sua capacità e volontà di guardarsi dentro il saper cogliere quei segnali di sincronicità di eventi solo apparentemente casuali che determinano la complessità e l’unicità del momento, del significato.

In questo caso, Tsinn – Progredire, l’esagramma 35,  è il simbolo dell’unione di terra e fuoco. Il fuoco amico, il sole, l’energia del fulmine che incontrano la terra, la madre, la forma, l’equilibrio, la moltitudine.

È il simbolo del Progresso individuale che l’Oracolo definisce così: “Il sole si innalza al disopra della terra. Così la persona nobile rende splendenti le sue chiare capacità”.

Rappresenta il valorizzare le nostre risorse inespresse, le nostre capacità nascoste. Come le risorse della terra che soffrono al coperto delle nuvole, così i vecchi schemi, convinzioni, pregiudizi e paure coprono l’energia vitale.

La Terra, così come l’uomo, ha in sé tutte le risorse e potenzialità per esprimere la sua ricchezza e vitalità e lo fa se scaldata dal sole, illuminata da quell’energia che per noi è il pensiero,  l’armonia e la consapevolezza.

Ecco perché Tsinn, ecco perché sono formatore e coach.